Emily Schiffer: aprire gli occhi

La trentenne fotografa Emily Schiffer si è laureata nel 2003 all’Università della Pennsylvania. Due anni dopo fonda un progetto dove insegna ai giovani studenti la “fotografia” in tutta la sua completezza.

"I nostri scatti preferiti sono i campi e gli edifici abbandonati ai margini della città", dice Emily sul suo sito, "luoghi dimenticati e spesso ricchi di un passato, che bene si prestano a giochi immaginari e dove le fotografie riescono ben strutturate", prosegue sempre la Schiffer. "Non cessa mai di stupirmi ciò che l'occhio può vedere, sia esso giovane o vecchio. Quindi, se avete una macchina fotografica, uscite a catturare qualcosa di straordinario.
Se c’è qualcosa che la fotografia mi ha insegnato è di aprire gli occhi, non solo per le possibilità fotografiche, ma anche per tante altre non ultima quella di cercare quello che spesso viene dimenticato.
Le mie immagini esplorano e giocano come un veicolo attraverso il quale i giovani rivelano e negoziano le loro emozioni i traumi e i desideri. I bambini hanno una capacità unica di vivere l'amore e la gioia accanto al dolore senza mediazione. Io cerco di trasmettere la complessità di queste esperienze".

Grazie anche a questo progetto la giovane fotografa è stata insignita di diversi premi: dalla Fulbright Fellowship nel 2006, dalla Fondazione Inge Morath un riconoscimento come uno delle top ten portfolio per il 2007, l’Inge Morath Award 2009, presentato da Magnum Photos e due nel 2010 rispettivamente l’Arnold Newman Premio New Directions in Portraiture e il PDN Photo Annual Personal Project Categoria.
Emily ha esposto le sue fotografie a livello internazionale. Il suo lavoro è nelle collezioni permanenti del Museo Kiyosato of Photographic Arts, Giappone, Foto Baryo, Filippine, e il Centro di Fine Art Photography, negli Stati Uniti. Emily vive a Brooklyn, NY, ed è disponibile a lavorare a livello internazionale.

Il sito di Emily Schiffer

Commenti

Post popolari in questo blog

13 siti per cercare in Internet informazioni sulle persone, come Pipl (Motori di ricerca di persone)

Creare un disegno a mano libera, direttamente online, con Doodle.ly