La ciclabile delle Dolomiti

La ciclabile delle Dolomiti attraversa il cuore delle Dolomiti scorrendo però sempre a valle, quasi in pianura, dove si snoda per circa 60 km. Pedalando lungo le Dolomiti vi farà scoprire le bellezze architettoniche, le tradizioni ed i sapori di questa affascinante regione.
Il percorso passa nei territori dei comuni di Cortina, San Vito di Cadore, Borca di Cadore, Vodo di Cadore, Valle di Cadore, Pieve di Cadore e Calalzo di Cadore. La pista ciclabile segue quello che era l'itinerario della vecchia linea ferroviaria che collegava Calalzo di Cadore a Dobbiaco, dismessa a partire dagli anni Sessanta.
La prima parte del percorso, dalla stazione di Calalzo a quella di Cortina, è quasi interamente asfaltata e in parte illuminata artificialmente anche durante le ore notturne. Particolarmente suggestivo è il tratto che attraversa l'Oltrechiusa dove dalla ciclabile è possibile ammirare il Pelmo-Croda da Lago, l'Antelao, le Marmarole e il Sorapiss.
Nel tratto da Calalzo di Cadore a Passo Cimabanche Cortina d'Ampezzo, la pista prende il nome di lunga via delle Dolomiti e ripropone in parte il percorso della ferrovia dismessa nel tratto Cortina d'Ampezzo-Dobbiaco nel 1962 e nel tratto Calalzo-Cortina nel 1964.
La Pista parte da Calalzo di Cadore e circonda il lago. Prima di proseguire fate una visita al sito di Lagole dove ci sono numerose sorgenti usate fin dai tempi degli antichi Veneti. Proseguite poi verso Valle di Cadore dove si susseguono numerose gallerie illuminate. Non perdete il tratto dopo San Vito di Cadore che raggiunge la Dogana Vecchia, dove potrete seguire il corso del Boite.

Sul sito ufficiale trovate tutte le informazioni per conoscere meglio il percorso e la mappa completa della ciclabile: Percorso completo

Commenti

Post popolari in questo blog

13 siti per cercare in Internet informazioni sulle persone, come Pipl (Motori di ricerca di persone)

Trasformare un testo in audio mp3

Creare un disegno a mano libera, direttamente online, con Doodle.ly